ARTISTI / GREGORIO BUTI – VIOLONCELLO

Nicola Bignami, Vincenzo Starace, Gregorio Buti, Lucija Majstorovic – Mozart

30 maggio 2021 – ore 16.30
Palazzo Te, Sala dei Cavalli

Gregorio Buti ha studiato a Parma diplomandosi in violoncello con il massimo dei voti e la lode presso il
Conservatorio “A. Boito” sotto la guida del M° Michele Ballarini. Presso lo stesso Conservatorio ha conseguito il
diploma di II livello in Violoncello e in Musica da Camera con il massimo dei voti e la lode sotto la guida
del M° P. Maurizzi. Ha partecipato ai corsi di alto perfezionamento musicale di violoncello e musica da
camera presso l’Accademia del Teatro Cinghio di Parma con il M° Enrico Bronzi e il Trio di Parma, con
il M° Enrico Dindo alla “Scuola di Musica” di Fiesole e ai corsi triennali con il M° Mario Brunello presso la
fondazione “Romano Romanini” di Brescia. Ha frequentato la Master Class di Yves Savary (primo
violoncello della Bayerisches Staatsorchester).

Ha suonato in rassegne di musica da camera e come solista esibendosi in Italia e all’estero collaborando con musicisti quali Enrico Bronzi, Uri Caine, Andrea Dindo, Lorna Windsor, e l’Uberbrettle Ensemble (61° Festival Internacional de Santander, Festival di Musica da Camera di Merano, Santa Cecilia di Roma, Parma, Marsiglia, Como, “Pietà dei Turchini” di Napoli, Mantova Chamber Music Festival, Parco della Musica di Roma, Ferrara Musica, Musica in Santa Cristina di Bologna, Sagra Maletestiana di Rimini); in duo col padre Pier Paolo, organista di fama internazionale, ha suonato in importanti rassegne musicali italiane (Merano, Bari, Mantova, Trieste). Nel 2007 da vita al “Duo Synopsis” insieme al violinista Igor Cantarelli con il quale si è esibito in numerosi festival nazionali. È il violoncello del Quartetto Ensemble Symposium, invitato nell’ottobre 2015 a esibirsi a Berlino per la rassegna “Berliner Tage Für Alte Musik, con il quale ha pubblicato con strumenti originali (per l’etichetta olandese BRILIANT CLASSIC) i “Sei Quartetti op. 26” di Boccherini e lo “Stabat Mater” (versione 1781) per quartetto e b.c. di Boccherini con il soprano Francesca Boncompagni.

Collabora stabilmente come primo violoncello con diverse orchestre tra le quali l’Orchestra da Camera di Mantova, l’Orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza, l’International Chamber Orchestra – ICPO di Lugano, “Orchestra Filarmonica Italiana”, l’Orchestra “Symphonia Italiana” e l’ “Orchestra Sinfonica della Val d’Aosta”. Dal 2013 è primo violoncello della Filarmonica del Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo e concertino dei violoncelli presso l’orchestra del Teatro Regio di Parma. Collabora con l’Orchestra Mozart, la Camerata Salzburg, la Leonore Orchestra, l’Orchestra Nazionale della RAI di Torino, l’orchestra Symphonica Toscanini suonando sotto la guida di Lorin Maazel, Claudio Abbado, Georges Prétre, Jeffrey Tate, Yuri Temirkanov, Zubin Metha, Kurt Masur, Elihanu Inbal nelle sale più importanti del mondo ed effettuando incisioni per Hyperion, Stradivarius, TDK, Amadeus, EGEA, Sony, RaiTrade.
Ha studiato violoncello barocco e seguito i corsi di musica antica presso il conservatorio “A. Boito” di Parma con il M° Enrico Contini e il M° Pavel Zejfart. Collabora con vari ensemble tra cui la Venice Baroque Orchestra, Atalanta Fugiens, Academia degli Invaghiti e musicisti quali Giuliano Carmignola, Enrico Onofri, Giovanni Antonini, Andrea Marcon, Federico Maria Sardelli con tournée in Italia, Francia, Germania, Turchia.
È docente di violoncello presso l’Istituto Pareggiato “A. Peri” di Reggio Emilia.

ARTISTI

LUOGHI

TRAME