Domenica 16 febbraio

badge
badge

11.00

Mantova Teatro Bibiena

badge

“L’histoire de Babar – le petit éléphant”
Azione scenico-musicale

Coro Voci Bianche Nova Cantica
Ensemble dell’Orchestra da Camera di Mantova
Enrico Vanzella attore, testi e regia
Elisabetta Da Rold danzatrice
Debora Piol e Luciano Borin direttori

Musiche di F. Poulenc (1899-1963)
Testo di Jean De Brunhoff
Scenografie, oggetti e costumi Atelier Teatrale CarroNavalis
Rivisitazione a cura di Enrico Vanzella e Luciano Borin

Una coproduzione Centro Studi Vocali, Nova Cantica e Oficina OCM per il progetto Fatti di Musica. Col contributo di Fondazione Cariverona

Scritta dall’illustratore francese Jean Brunhoff con la musica di Francis Poulenc, “La storia dell’elefantino Babar” affonda le sue radici nella fantasia della moglie di Brunhoff, Cécile, che la sera, per fare dolcemente addormentare i propri figli, raccontava loro le storie di Babar, il piccolo elefante che abbandona la foresta e si rifugia in una grande città dopo che i cacciatori hanno ucciso la sua mamma.
Nella versione scenico-musicale proposta da Nova Cantica, questa celeberrima operina per voce recitante e pianoforte è stata reinterpretata aggiungendo delle parti cantate tratte da alcuni temi melodici della musica di Poulenc: un gioco scenico di oggetti, movimenti, danze e gesti ritmici che vanno ad intensificare la parte testuale dell’attore-narratore.
Il Coro di Voci Bianche, che vede in scena giovanissimi interpreti che si rivolgono direttamente ai loro coetanei del pubblico, rappresenta certamente un ulteriore valore aggiunto per questa delicata opera che unisce in modo efficace ed estremamente coinvolgente la letteratura per l’infanzia alla musica.
Una nuova messa in scena quindi della fiaba musicale di Francis Poulenc, una storia formativa, triste ma divertente, poetica, originale e piena di fantasia dove la musica di Poulenc è attentissima a dare risalto ad ogni sfumatura degli stati d’animo dei protagonisti.
Un racconto solo in apparenza semplice, poiché presenta un messaggio più profondo e complesso, che permette diversi livelli di lettura: per i più piccoli si focalizza sugli aspetti fantasiosi e divertenti della narrazione, come il vestito verde di Babar, la sua auto, l’amicizia con la vecchia signora… Per i ragazzi della scuola primaria si possono già introdurre il significato della ricerca della propria identità e il concetto di “civiltà”.